Saturday, November 06, 2004

the sadness after sex classics (18)

le guide turistiche di sad.aft.sex (a.k.a. le guide lonely fucker): la lisbona da bere (I parte)
mi si chiede insistentemente di parlare del mio lungo soggiorno lisboeta, persone curiose o viaggiatori insicuri che vorrebbero qualche dritta per sapere cosa fare o vedere durante un eventuale vacanza. vale lo stesso discorso che ho fatto per parigi: da vedere non c’è praticamente niente, però approfittando dell’imminente campionato europeo 2004 potete sempre dare un’occhiata agli stadi alvalade (força sporting) e da luz, ricostruiti di fresco per l’evento. ho poggiato il mio culo sulle curve di entrambi e devo dire che anche dai settori più alti si vede del gran football e per chi come me è abituato a quel cesso delle alpi sembra di stare dentro al campo. ad ogni modo lisbona è il top di gamma delle città europee (seguita da porto e siviglia) e ci si possono passare delle giornate indimenticabili. di tutte le cagate che vengono abitualmente imposte ai turisti l’unica che forse dovete fare è quella del giro sull’eletrico numero 28, un pittoresco tram in grado di regalare dei bei momenti ai turisti e violentissime crisi di nervi agli abitanti della città che possono passare anche un quarto della loro esistenza nell’attesa di vederne arrivare uno. il sottoscritto combinazione abitava lungo il percorso di questo tram. le guide turistiche solitamente esaltano la bellezza del tratto che attraversa l’alfama e sale fino a graça. tendono però a tacere lo splendore dei quartieri che si possono ammirare quando ridiscende lungo intendente verso martim moniz. se volete essere dei viaggiatori veramente hardcore quando fa buio proseguite lungo rua angelina vidal fino ad avenida almirante reis. a quel punto scendete e provate a chiedervi cosa si proverebbe a doversi trovare lì in mezzo una volta al mese con in tasca un milione e due in contanti da consegnare alla padrona di casa. anche un semplice prelievo al bancomat potrebbe darvi un sentore di quei brividi. intendente è un quartiere in cui è relativamente facile trovare casa se siete studenti e cercate un appartamento da condividere. la cosa positiva è che sarete centralissimi, a due fermate di metro da rossio. a piedi consiglio di circumnavigare avenida almirante reis risalendo la collina di graça per poi ridiscendere lungo l’alfama. è più lungo e fottutamente faticoso (consiglio di fermarsi a fare benzina nelle decine di bar che troverete lungo la strada), ma avete maggiori probabilità di arrivare a destinazione integri, perché la cosa negativa è che intendente è un quartiere piuttosto caldo nel quale vale la pena guardarsi il culo mentre si cammina. personalmente seguendo la semplice regola della circumnavigazione, in un anno ho avuto al mio attivo solo una prova tecnica di assalto durante un prelievo al bancomat (intimazione di consegnare i soldi da lontano conclusasi poi in un nulla di fatto) e un altro blando approccio a scopo vagamente criminoso (da parte di una persona che è stata poi richiamata dal compare che gli ha detto di lasciarci perdere). in sostanza niente di grave, però altri miei amici sono stati meno fortunati. ad ogni modo in questo post vi verrà consigliato un percorso di vita diurna lisboeta (dal digestivo post pranzo all’aperitivo), mentre nel prossimo post ci occuperemo della vita notturna. mi rendo conto che la meteria alcolica è un po’ abusata in questo blog, ma vi garantisco che è assolutamente impossibile vivere a lisbona senza bere. il prezzo degli alcolici lo impone, e poi a riprova di questa mia teoria vi basti sapere che l’unica volta in un anno in cui sono uscito e non ho bevuto, sono scivolato dentro al fiume tejo mentre cercavo di pisciarci dentro (mi sembra ancora di sentire eddie che mi dice "oh, stai attento che si scivola". fede, tu non c’eri perché in quel momento eri a casa che stavi avendo un infarto). ad ogni modo se avete gustato un cozido à portuguesa in un bar di graça vi consiglio di spedirlo in fondo agli intestini con un’ amendoa amarga o un brandymel, due digestivi dolciastri assolutamente necessari se vi siete rimpinzati di orecchie di porco. a questo punto può partire il tour dei bar dell’alfama, locali che competono tra loro per economicità, sporcizia e stronzaggine dei gestori. sceglietevi un bel pomeriggio assolato d’estate e iniziate la vostra discesa casuale tra i vicoli di questo splendido quartiere capace di rubarvi in poche settimane cuore, fegato e polmoni. avvicinatevi agli inconfondibili banconi d’alluminio e ordinate un’imperial. vi verrà consegnato uno degli oggetti più succulenti che si possano desiderare sotto il sole portoghese, una piccola e fresca lager mediterranea venduta a un prezzo che oscilla tra gli ottanta centesimi e l’euro (per i gestori più disonesti). le due fabbriche leader del settore sono la sagres e la superbock. entrambe offrono un prodotto di alta qualità, fresco, leggero e pisciabilissimo. la seconda è leggermente più robusta, gli preferisco la prima, anche perché ogni estate sponsorizza un festival incredibile a zambujeira do mar (ho visto lì i migliori concerti della mia vita). procedete oscillando di bar in bar. è bene far affogare di tanto in tanto qualcosa nella birra. sconsiglio gli onnipresenti lupini di verghiana memoria e proporrei dei salgados di varia natura, meglio se di bacalhau (le pataniscas sono il top di gamma). sembra una cosa che vi occuperà pochi minuti, in realtà conosco persone che sono scese nel bar sotto casa per prendere un caffè e sono rientrate strisciando dieci ore dopo, non prima di aver pisciato pubblicamente dentro a dei bicchieri di plastica a una specie di festa dell’unità locale. dell’aperitivo magari vi parlerò un’altra volta, perché parlarvi del miradouro o adamastor, come benty sa bene, è una cosa talmente commovente che mal si concilia con le tonalità cazzeggiatorie di questo post.atroC.T.X.Z.B.tionpostato da atrocityexibition 08/01/2004 23:25
//cashcow.splinder.com/" target="_blank">cashcow
dicosaparliamo
fanchi
fio
garnant
hotel messico
il boss
lady stardust
lineagotica
noncicapisco
parmachiara
playroom-decay
portugal
simonebolognesi
settore4c
something
sonechka
trailers
tausone
trentamarlboro
uliva
unicarisposta
winnicot
welovethecity
Powered by Blogger


indie blog aggregator
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.


Blogarama - The Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Search For Blogs, Submit Blogs, The Ultimate Blog Directory
Listed on Blogwise

Blog Aggregator 3.0 - The Filter