Wednesday, March 09, 2005

appendice/il concetto di classicismo nel calcio italiano vol. 2

inutile dire che dopo il terrificante chelasea-barcellona di ieri sera urge una protesi al post sottostante. anzi, non escludo che le due squadre, dopo aver visto roma-juventus sabato sera, si siano accordate per giocare la partita più spettacolare della stagione con il preciso intento di umiliare il calcio italiano e di giustificare con i fatti il mio post. ovviamente il punto non è tanto segnare sei gol in novanta minuti (o addirittura nove, tipo lione-werder brema) quanto piuttosto scendere in campo per la partita più difficile, tesa, sentita e bastarda dell’anno (anche questa preceduta da due settimane di fuoco che hanno fatto tracimare il livore ben oltre il livello di guardia) con il preciso intento di giocare a pallone per provare ad imporre la propria superiorità calcistica. onorare la storia di due club che non per niente se ne stanno saldamente al comando dei due campionati più belli, difficili e avvincenti del mondo. ricordarsi, di fronte a milioni di spettatori, che nel momento in cui ti ritrovi a essere il maggiore esponente del calcio mondiale è bene sforzarsi di giocare il miglior calcio del pianeta. tenere sempre a mente che per gli insulti e le sberle c’è tempo prima e dopo la partita e nonostante non siano stati comunque un bello spettacolo ho apprezzato il barlume di buon senso di chi ha avuto la decenza di tenerli fuori dagli spazi e dai tempi riservati al calcio (tenendo presente che evitare di mettere le mani addosso a josé mourinho è forse la grande missione impossibile del calcio moderno). allora dopo una partita del genere ti aspetti di ritornare alla tua triste realtà e sperare che qualcuno magari abbia tratto giovamento da questa lezione di bel calcio. invece, mentre mi spippacchio l’ultima sigaretta della giornata davanti a pressing champions league, mi tocca sentire di nuovo il gusto della bile diffondersi per il palato. eravamo quasi riusciti ad arrivare indenni alla fine della trasmissione quando scatta l’attesissimo momento delle e-mail da casa. per qualche folle ragione viene data voce (invece dei dieci anni di carcere duro che si meriterebbe) a un simpatico lettore che chiede a ilario castagner se secondo lui eto’o e ronaldinho sono pronti per il calcio italiano. io quando sento queste robe qua mi viene la stessa sete di sangue del mostro di milwaukee. questa gente qua, ultimi disgustosi epigoni della teoria del “campionato più bello del mondo”, bisognerebbe rispedirli tutti a calci nel culo dentro agli anni ’80, per vedere se rivivendo gli ultimi due decenni per la seconda volta magari riescono a stabilire un qualche flebile contatto con la realtà. dunque, a parere di quest’uomo, la sublime partita appena conclusa era forse stata disputata da ventidue persone che si apprestavano a giocare una finale anticipata della champions, per poi tornare a casa a vincere liga e premier league, ai soli fini di fare un po’ di gavetta in attesa di approdare all’inarrivabile calcio italiano? per avere finalmente accesso a spettacoli come quello di sabato sera, magari avere la carriera stroncata da qualche mediano irruento, avere i coglioni triturati da centinaia di opinionisti che dopo due settimane che sei arrivato ti chiederanno ogni giorno per due anni se è vero che c’è un interessamento del real madrid e ti faranno notare che domenica sera dal tuo movimento labiale sembrerebbe proprio che tu abbia associato il nome di una nota divinità monoteista a quello di un animale che ama sguazzare nelle sue stesse feci, guardare il calcio mentre viene lentamente stremato e ucciso da una gestione criminale per poi vedere gli stessi killer rieletti a furor di popolo per occuparsi della risurrezione, finire la carriera sperando che a quarant’anni non arrivi qualche morbo schifoso a paralizzarti uno per uno tutti i muscoli del corpo? magari se lo starà chiedendo il presidente del barça se nel campionato italiano c’è rimasto qualche presidente pronto a sborsare qualche decina di milioni per i suoi campioni, di modo che lui possa continuare ad andarseli a prendere da giovani e assemblare squadre da sogno che continuino ad andare in giro per l’europa a insegnare il calcio.

atroC.T.X.Z.B.tion
//cashcow.splinder.com/" target="_blank">cashcow
dicosaparliamo
fanchi
fio
garnant
hotel messico
il boss
lady stardust
lineagotica
noncicapisco
parmachiara
playroom-decay
portugal
simonebolognesi
settore4c
something
sonechka
trailers
tausone
trentamarlboro
uliva
unicarisposta
winnicot
welovethecity
Powered by Blogger


indie blog aggregator
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.


Blogarama - The Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Search For Blogs, Submit Blogs, The Ultimate Blog Directory
Listed on Blogwise

Blog Aggregator 3.0 - The Filter